• Sab. Giu 3rd, 2023

CONF. FIR

Confederation of International Research and Administration Officials

COVID 19

Ispra, 1 March 2021

Lettera aperta alla Sig.ra G. Ingestad

Direttore Generale delle Risorse Umane e della Sicurezza (HR)

Gentile Direttore Generale,
con riferimento alle note ARES (2020) 7691875 del 17.12.2020 e ARES (2020) 7239302 – 01/12/2020, il
nostro sindacato, CONF Cisl-FIR prende atto dell’ intervento che la DG HR ha voluto porre in atto nei
confronti delle autorità per la corretta copertura vaccinale dei suoi dipendenti. La recente istituzione di un
numero telefonico dedicato da parte della sola ATS Insubria (ente sanitario territoriale di riferimento per il
sito di Ispra) è uno dei passi concreti che possiamo toccare con mano. Questo intervento, infatti, permette
di evitare discriminazioni tra residenti nazionali e non, elemento che soprattutto dal punto di vista della
gestione sanitaria della pandemia è qualcosa da prevenire assolutamente.
In un ottica di miglioramento di questo processo, vorremmo contribuire con due suggerimenti che
dovrebbero essere considerati e garantiti:
a) Al momento, questo approccio riguardante il coinvolgimento dei dipendenti della Commissione UE
nella strategia vaccinale italiana non include i funzionari e agenti in servizio o in pensione residenti
nel territorio italiano diverso dalla limitata area di competenza di ATS Insubria. Ciò rappresenta un
elemento di discriminazione che deve essere risolto seguendo la stessa linea di azione individuata
per i dipendenti residenti nel territorio di competenza di ATS Insubria, nell’ ottica di includere tutti i
funzionari e agenti o pensionati della Commissione Europea presenti in Italia.
b) Per quanto riguarda l’instaurazione dei contatti necessari per avviare l’operazione di vaccinazione
dei funzionari e agenti e pensionati residenti nel territorio italiano, sembrerebbe che questa
Amministrazione stia valutando la possibilità di fornire l’elenco nominativo dei funzionari operanti
in Italia, senza il loro preventivo consenso. Riteniamo importante sottolineare che queste
informazioni non possono essere rese disponibili a terzi senza il previo ed esplicito consenso degli
stessi.
Si esorta quindi l’Amministrazione a procedere con estrema cautela in questa materia, e ad
adottare tutte le misure per contattare ed acquisire i necessari consensi dai diretti interessati al fine
di prevenire situazioni che potrebbero rischiare di ledere i diritti dei funzionari e agenti.
Cordiali saluti

per CONF Cisl-FIR Ispra – Comitato esecutivo
Marco GEMELLI Massimiliano VOINICH Roberto TEDESCHI
per CONF Cisl FIR Ispra – Comitato pensionati
Gianluca FIORE

********************************************************************************************************************************************

Open Letter to Mrs. G. Ingestad,

Director-General for Human Resources and Security (HR)

Dear Director-General,

With reference to the notes ARES(2020)7691875 of 17.12.2020 and ARES(2020)7239302 – 01/12/2020, this
OSP, CONF Cisl-FIR takes note of the intervention that DG HR wanted to put in place towards the Italian
authorities for the proper vaccination coverage of its officials.
The recent establishment of a dedicated telephone number by the only AST Insubria (health body
territorially responsible for the JRC Ispra) is one of the concrete steps that we can touch. In fact, this
intervention allows avoiding discrimination between national and non-national residents, an element that
especially from the point of view of health management of the pandemic is something to be absolutely
prevented.
With a view to improving this process, we would like to contribute with two suggestions that should also
be considered and guaranteed:
a) At the moment, this approach regarding the involvement of EU Commission officials in the Italian
vaccination strategy does not include serving or retired officials who are resident in parts of the
Italian territory other than the limited area of competence of ATS Insubria. This represents an
element of discrimination that must be resolved by following the same line of action identified for
officials residing in the territory of competence of ATS Insubria, with a view to including all officials
or retirees of the European Commission present in Italy.
b) Regarding the establishment of the contacts necessary to start the operation of vaccination of
officials and pensioners residing in the Italian territory, it would seem that this Administration is
considering the possibility of providing the list of names of officials working in Italy, without their
prior consent.
We believe it is important to point out that this information cannot be made available to third
parties without the prior and explicit consent of the officials themselves.
We therefore urge the Administration to proceed with extreme caution in this matter, and to adopt
all measures to contact and acquire the necessary consents from those directly concerned in order
to prevent situations that could risk being detrimental to the rights of officials.
Best regards
for CONF Executive — Cisl FIR Ispra
Marco GEMELLI Massimiliano VOINICH Roberto TEDESCHI
for CONF Pensioners Committee — Cisl FIR Ispra
Gianluca FIORE