• Mer. Feb 28th, 2024

    CONF. IR

    Confederation of International Research and Administration Officials

    SOCIAL INFRASTRUCTURES: THE JRC OF ISPRA LEFT BEHIND! INFRASTRUTTURE SOCIALI: IL JRC DI ISPRA MESSO DA PARTE!

    SOCIAL INFRASTRUCTURES: THE JRC OF ISPRA LEFT BEHIND!
    Recent decisions continue to marginalize the Ispra site, much to the concern of many.
    Conf. Fir believes a change in direction is imperative.
    Despite the current international climate, the Conf Fir Union stresses that primary investments should be channeled towards social infrastructures, focusing especially on the JRC of Ispra.
    According to the union, past investment decisions lacked equitable distribution logic amongst various JRC sites, leaving the Ispra site – the third site of the European Commission – at a disadvantage. Vital social projects, like the construction of a kindergarten or bringing the canteen up to standard, were stalled. This is mainly because preferences were given to new areas rather than allocating resources to existing established facilities, risking obsolescence of earlier investments.
    Conf Fir sees the change in leadership at the site directorship as a potential opportunity to counterbalance the detrimental impacts of past decisions. Should this not be the case, the repercussions could lead to thorny social issues. However, Conf Fir remains hopeful given the new Director’s credible experience and past successes in a similar role.
    Meanwhile, the Ispra site has taken commendable strides towards energy conservation, aiming for financial savings and possible reallocation of conserved funds. Actions were taken to adapt technical infrastructures, reduce building heating and ventilation, suspend heating during the Christmas holidays through to the first week of January, propose the closure of certain buildings, and liaise with scientific directorates about rationalizing energy consumption and space.
    Such initiatives resulted in a commendable 31% reduction in energy consumption in November and a 33% decrease in December compared to the five-year average. Conf. Fir appreciates the diligent efforts of colleagues from the infrastructure unit in conceiving and implementing these measures, as well as working closely with scientific colleagues to devise feasible solutions.
    Furthermore, Conf. Fir extends gratitude for the dedication and resilience of all staff members who made these savings achievable.
    In closing, Conf Fir Union ardently requests that investment priorities be set on social infrastructures, with an emphasis on the JRC of Ispra, ensuring the well-being of workers and their families. Conf. Fir commits to vigilantly following future developments and overseeing the measures adopted for energy consumption reduction, ensuring a safe and comfortable working environment for all JRC Ispra employees.
    INFRASTRUTTURE SOCIALI: IL JRC DI ISPRA MESSO DA PARTE!
    Le recenti decisioni continuano a marginalizzare il sito di Ispra, suscitando preoccupazione in molti.
    Conf. Fir ritiene che sia imperativo un cambio di direzione.
    Nonostante l’attuale clima internazionale, il Sindacato Conf Fir sottolinea che gli investimenti prioritari dovrebbero essere indirizzati verso le infrastrutture sociali, focalizzandosi in particolare sul JRC di Ispra.
    Secondo il sindacato, le decisioni di investimento passate non hanno seguito una logica di distribuzione equa tra i vari siti del JRC, mettendo in svantaggio il sito di Ispra – il terzo sito della Commissione Europea. Progetti sociali essenziali, come la costruzione di un asilo o l’adeguamento della mensa, sono stati bloccati. Questo principalmente perché si è dato la preferenza a nuove aree piuttosto che allocare risorse dove esistevano già strutture consolidate, rischiando così di rendere obsoleti gli investimenti precedenti.
    Conf Fir vede il cambio di leadership nella direzione del sito come un’opportunità potenziale per controbilanciare gli impatti negativi delle decisioni passate. Se ciò non dovesse avvenire, le ripercussioni potrebbero portare a problematiche sociali complesse. Tuttavia, Conf Fir rimane speranzoso dato l’esperienza credibile e i successi passati del nuovo Direttore in un ruolo simile.
    Nel frattempo, il sito di Ispra ha compiuto notevoli passi avanti verso il risparmio energetico, mirando a risparmi finanziari e alla possibile riallocazione dei fondi conservati. Sono state prese misure per adattare le infrastrutture tecniche, ridurre il riscaldamento e la ventilazione degli edifici, sospendere il riscaldamento durante le vacanze natalizie fino alla prima settimana di gennaio, proporre la chiusura di certi edifici e collaborare con le direzioni scientifiche per razionalizzare il consumo energetico e lo spazio.
    Queste iniziative hanno portato a una lodevole riduzione del 31% nel consumo energetico a novembre e del 33% a dicembre rispetto alla media dei cinque anni precedenti. Conf. Fir apprezza gli sforzi diligenti dei colleghi dell’unità infrastrutture nel concepire e attuare queste misure, nonché nel lavorare strettamente con i colleghi scientifici per ideare soluzioni praticabili.
    Inoltre, Conf. Fir esprime gratitudine per la dedizione e la resilienza di tutto il personale che ha reso possibili questi risparmi.
    In conclusione, il Sindacato Conf Fir richiede con fervore che le priorità degli investimenti siano rivolte alle infrastrutture sociali, con un’enfasi sul JRC di Ispra, garantendo il benessere dei lavoratori e delle loro famiglie. Conf. Fir si impegna a monitorare attentamente gli sviluppi futuri e a vigilare sull’attuazione delle misure adottate per la riduzione del consumo energetico, garantendo un ambiente di lavoro sicuro e confortevole per tutti i dipendenti del JRC di Ispra.

    Di Luca B

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *